• Reader for Blind

Amore bastardo



“Lo sai che ti amo, vero?” Cominciava sempre così, ma io ero felice di essere viva, di essere sopravvissuta alle bombe anche se tutto intorno era rimasto solo il grigio di case scheletriche che nascondevano mobili disperati come partigiani. Ballavamo stretti, io nel mio vestito bianco di pizzo, lungo fino ai piedi e sui miei lobi i rubini di mia madre scampati alla guerra, tu in quella camicia limpida avvolto in quel gilet nero. Eravamo due reduci, ricominciavamo a vivere dopo aver visto solo terreni sudici di sangue. Dovevamo recuperare quegli anni meledetti in cui avevamo convissuto con la paura della morte. “Lo sai che ti amo, vero?” La tua mano sulla mia bocca a stroncare ogni possibile respiro, la tua ombra appena visibile, non so quale tu sia, se quella riflessa sul muro da questa candela consumata come me, o se quella scura, violenta che circonda i miei polsi e le mie caviglie. Legata al letto non posso scappare, non posso pensare, non posso sopravvivere. Ti fai strada su tua moglie come fosse una puttana, senza ritegno, senza pudore senza il ben che minimo amore. “Lo sai che ti amo, vero?” Ripeti in una cantilena perpetua che mi spacca le ossa. Così scampata alla morte passo gran parte dei miei giorni, a fissare un soffitto zeppo di umido dolore. Oggi hai promesso di liberarmi, tremo ancora quando le tue mani slegano la corda dal mio corpo. Salgo dietro al tuo motorino e aggrappata a te e al tuo amore bastardo sfrecciamo nel freddo della sera. “Lo sai che ti amo, vero?” Adesso lo urli, pazzo, ossessivo nella notte illeggibile. Ti supplico di rallentare mentre le tue grida sovrastano ogni rumore. Dritti verso il fiume senza barriere come il tuo amore malato. So cosa vuoi fare, il terrore mi chiude gli occhi. Salto giù mentre più leggero ti volti fermo a mezz'aria. Mi hai persa, rotolo sulla terra battuta tenendomi il ventre, tu sprofondi stritolato dalle acque gelide. Stringo le gambe e la mia gonna si sporca dell'aborto che tu hai creato.

#raccontobreve #racconto #shortstory #raccontibrevi #shortstories #giorgiabianchin #racconti

16 visualizzazioni