• Reader for Blind

Un matrimonio di rito Zen di Charles Bukowski (115 parole)



Illustrazione originale di Giulia Antonelli

115 parole.

Quando incontri Charles Bukowski tra le pagine di un racconto, non sai mai in quali guai potresti cacciarti. Anche quando vai ad un matrimonio, che di Zen ha solo il maestro cerimoniere. E così ti ritrovi, lettore inconsapevole, a vagare nel suo personalissimo circo popolato da ricchi, mostri, alcolici, parolacce, sesso, droghe, artisti e follia; dove Bukowski ne è il pagliaccio indiscusso. Questo è il ruolo che egli stesso si cuce addosso, danzando, fumando e inveendo contro tutto e tutti. Ed è impossibile non sentire il suo urlo nelle parole dissacranti ed impregnate d’alcol. Un urlo che ti impone, anche da lettore – comparsa – amico di bevute, di ascoltarlo. Perché in fondo, il pazzo ha ragione.

Sinossi.

Charles Bukowski, personaggio e autore, si ritrova a fare da compare d’anello al matrimonio di due amici con un rito definito zen. Una festa che annuncia il suo disastro dalla puzza di alcol. Irriverente e caotico, lo scrittore ci porta nel suo mondo e nelle sue avventure, che non hanno mai un lieto fine.

Incipit:

#LauraSgamma #GiuliaAntonelli #CharlesBukowsky #Unmatrimoniodiritozen #racconto #raccontobreve #shortstory #illustrazione #approfondimenti

0 visualizzazioni